Anima blu

Tam Teatro Musica (Padova)
dedicato a Marc Chagall

Premio Eolo Awards 2008 per il miglior spettacolo di Teatro Ragazzi italiano
Premio Festival Feten 09 – Gijon (Spagna) per la migliore scenografia
Premio Honor Award John Dorman 2011 per artisti stranieri assegnato dalla sezione polacca di ASSITEJ
International Association of Theatre for Children and Young People
Grand Prix XIX International Puppet Theatres 'Festival Meetings 2012' città di Torun (Polonia)
Premio per le musiche XIX International Puppet Theatres 'Festival Meetings 2012' città di Torun (Polonia)

con:
Flavia Bussolotto, Marco Tizianel
Ideazione Michele Sambin, Flavia Bussolotto
Video elaborati Raffaella Riva luci Alessandro Martinello
costumi e foto Claudia Fabris
Musiche Enzo Carpentieri, Michele Sambin, Kole Laca
Elaborazione suoni Davide Sambin Zara
Regia scene immagini Michele Sambin


Lo Spettacolo:

Gli autori, alimentati dalle immagini ricche di suggestioni di Chagall pittore, hanno tessuto trama e ordito fino a costruire una piccola storia. Si sono immersi nel suo mondo iconografico per farne emergere un racconto che ha dato tempo e sviluppo alla pittura. Un mondo silenzioso ha così trovato la sonorità. L'incontro tra i corpi dei due attori e le immagini pittoriche avviene all'interno di un dispositivo scenografico che consente la realizzazione di figure ibride tra il reale e il fantastico. La videoproiezione è un terzo attore che dialoga con i corpi veri e crea suggestioni visive riuscendo a coniugare i due piani. Il ritmo e la musicalità del gesto in forma coreografica colmano ciò che manca alla pittura per essere teatro. Nello spettacolo avvengono continui passaggi dalla realtà del quotidiano (data attraverso le scansioni ritmiche dei gesti) alla fantasia di evasione da esso che consente di entrare nel sogno dei desideri impossibili. Questi due mondi separati e paralleli, della realtà e del sogno appunto, si alternano sulla scena e finiscono per confondersi uno nell'altro, integrandosi tra loro fino a che non saranno più due mondi distinti, ma un unico momento che li contiene entrambi. Michele Sambin
Guardare i quadri di Chagall è compiere un viaggio nella poesia e nell'emozione. Soggetti come la nascita, l'amore, la solitudine, la città, la festa, il circo, la guerra, la morte emergono dall'interiorità del poeta-pittore e prendono forma in icone che fanno pensare ai sogni. Cavalli, galli, capre, pesci, cicogne, asini volanti, agnelli, gatte e vacche. Gli animali ci guardano. E insieme agli animali, innamorati, angeli, violini, acrobati, musicisti. E la città, immobile, il tempo, immobile. Ogni oggetto, animale, essere umano nella pittura di Chagall è icona e in quanto tale significa. Significa quello che ogni sguardo, di bambino o di adulto, a contatto con essa è capace di evocare. E attraversando i suoi quadri è allora possibile inventare una storia. La nostra ricerca si concentra nel dare corpo e voce agli esseri che popolano le sue tele e nello scrivere un racconto fatto di ritmo, visivo e sonoro, di colori e forme plastiche che si condensano in un gigantesco gallo o nel grembo materno di una cavalla, nel corpo di un musicista sul tetto o in quello di due innamorati che volano sopra una città silenziosa.... e intanto da lontano arriva il suono di un violino, il vociare di una festa... Flavia Bussolotto

<< torna agli spettacoli
   
   
   



<< torna agli spettacoli